Fine novembre 1944: il grande rastrellamento

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Agli inizi di dicembre 1944 la Val d’Arda viene investita in pieno dalla forza d’urto del rastrellamento, ma gli uomini di Prati riescono a mettere in atto un’efficace tattica difensiva, per proteggere la zona libera e i suoi abitanti.

Per ben tre volte la Val d’Arda ha respinto gli attacchi e rimarrà per un po’ l’unica zona libera del piacentino, oltre all’alta Val Nure dove i rastrellatori, stanziati a Bettola, non si spingono se non per brevi puntate. La snervante attesa dell’inevitabile attacco fiale – in grado di piegare definitivamente la Resistenza piacentina – terminerà il 6 gennaio 1945, quando reparti nazifascisti equipaggiati appositamente per i combattimenti invernali si abbatteranno sulla zona, occupandola in pochi giorni nonostante la forte resistenza opposta anche questa volta dalle brigate della Val d’Arda in ogni settore dei combattimenti.

Contenuti correlati:

Test

LEGENDA {{ layer.name }}

Porta un fiore al partigiano

Porta un fiore al Partigiano “Che cos’hanno in comune un fiore e la libertà? Colore e profumo, ma pure fragilità. Come un fiore, anche la

I sentieri

I SENTIERI percorsi alla scoperta della storia Esplora il paesaggio dei Colli Piacentini e la sua profondità storica con i percorsi e le nostre audioguide!

Storie partigiane

LA PRIMA LINEA storie di resistenza La Resistenza ha vissuto nell’Alta Val d’Arda alcune delle sue pagine più cruente e allo stesso tempo più gloriose.