Museo della Resistenza di Sperongia di Morfasso

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Il Museo della Resistenza piacentina di Sperongia di Morfasso è dedicato alle formazioni partigiane del Piacentino, ma anche alle popolazioni che durante 20 lunghi mesi soffrirono sotto il tallone nazifascista, pagando un duro tributo di morte, distruzione, violenze e deportazione nella speranza della Liberazione e di un futuro migliore.

Il museo sorge a Sperongia perché proprio qui, nella locanda della famiglia Croci e nei gruppi di case dei dintorni, nasce parte della resistenza piacentina. Ai primi gruppi locali si unirono anche coloro che scappando dalla pianura e dai campi di detenzione, decisero di scegliere il territorio della Val d’Arda come rifugio.

Il museo è disposto su due piani, e oltre a ospitare cimeli e documenti, racconta la storia di specifici gruppi di persone, come gli stranieri, le donne e i religiosi che contribuirono alla Liberazione. Vi è poi una sezione dedicata alla deportazione degli Ebrei e agli IMI, gli Internati Militari Italiani nei campi di concentramento.

L’allestimento interattivo, la sezione video e il database nazionale dell’ANPI,  permetteranno di visualizzare foto e conoscere gli eventi della lotta partigiana e i suoi protagonisti.

Grazie al lavoro dei volontari, che si occupano dell’apertura del museo, delle visite guidate e della divulgazione è anche possibile ripercorrere i passi dei partigiani sui 5 Sentieri della Libertà.

Contenuti correlati:

Test

LEGENDA {{ layer.name }}

Porta un fiore al partigiano

Porta un fiore al Partigiano “Che cos’hanno in comune un fiore e la libertà? Colore e profumo, ma pure fragilità. Come un fiore, anche la

I sentieri

I SENTIERI percorsi alla scoperta della storia Esplora il paesaggio dei Colli Piacentini e la sua profondità storica con i percorsi e le nostre audioguide!

Storie partigiane

LA PRIMA LINEA storie di resistenza La Resistenza ha vissuto nell’Alta Val d’Arda alcune delle sue pagine più cruente e allo stesso tempo più gloriose.